Straordinari benefici per la tua salute con il Succo di Graviola!

Perchè la Graviola fa bene alla salute?

La Graviola, è un frutto tropicale dalle molteplici proprietà benefiche, è spesso utile per trattare le infezioni causate da batteri e parassiti, inclusa la leishmaniosi, ottima anche per trattare tosse e vomito. Il succo di Graviola è un potente antivirale e antiparassitario, molto nutriente, ricco di zuccheri e vitamine, in particolar modo la vitamina C (300 grammi di graviola sono sufficienti a fornire la dose giornaliera raccomandata) e quelle del gruppo B, fosforo, magnesio, rame e calcio. Possiede una capacità antifebbrifica ottima come supporto per la difesa immunitaria. Inoltre la graviola contiene la vitamina B2, che è vitale per il corretto funzionamento del nostro organismo e del sistema nervoso. Oltre a questo, contiene la vitamina B1, che accelera il metabolismo, facilita la circolazione del sangue e previene i disturbi nervosi. Tra le proprietà del Succo di Graviola, emerge la capacità di stimolare i recettori della serotonina, indispensabili poiché modulano alcuni dei neurotrasmettitori che influenzano diversi processi neurologici e biologici come aggressività, ansia e appetito. Nella Graviola è presente anche il triptofano, una sostanza che promuove il sonno e aiuta il rilassamento. In caso di tosse grassa o congestione respiratoria, la Graviola può essere di grande aiuto, in quanto è in grado di decongestionare e liberare le vie aree. Il Succo di Graviola, possiede di fatto un’azione espettorante, in grado di scioglere il muco e ridurre l’infiammazione di cavità nasali e tratti respiratori. Sotto forma di succo, la Graviola può apportare benefici anche nella prevenzione delle infezioni delle vie urinarie, in particolare dell’uretrite e dell’ematuria.

La Ricerca e la Scienza cosa dicono?

Sin dagli anni quaranta le ricerche che hanno sottoposto gli estratti di Graviola si sono focalizzate attorno alla sua capacità nel combattere le cellule cancerogene.  L’ Università Purdue, nell’Indiana (U.S.A.), investì ben 5 milioni di dollari provenienti nei fondi pubblici, su diverse ricerche riguardanti le proprietà anticancerogene delle acetogenine annonacee , presenti chiaramente nel Succo di Graviola. La vera svolta giunge nel 2008 quando una ricerca supportata dalla NCI (National Cancer Institution), sostiene che gli estratti delle foglie di  Graviola possono dissolvere le cellule cancerogene tuttavia, i risultati delle ricerche non sono al momento definitivi pur avendo riscontrato una riduzione del potenziale metastatico per alcuni tipi di neoplasia, come alla prostata e al pancreas. L’utilizzo di Graviola è sconsigliato in caso di: gravidanza, allattamento, ipotensione e cardiopatia.

Curiosità sulla pianta e sui suoi frutti

Il succo di Graviola, comunemente chiamata anche Guanàbana o Corossole, è ricavato dal frutto tropicale dell’annona muricata, una pianta appartenente alla famiglia delle annonaceae. L’annona muricata è un albero tropicale originario dei Caraibi, che può  raggiungere un’altezza di 8-12 metri solo all’equatore, mentre alle latitudini tropicali non va oltre i 500 m. I fiori sono oblunghi e hanno tre sepali e tre petali di colore verde e giallo. La Graviola è lunga 20–30 cm con una  buccia sottile color verde scuro e con aculei morbidi, mentre internamente è bianca, morbida, molto dolce e succosa.

Il frutto maturo si consuma tagliato a metà e mangiato con il cucchiaino oppure frullato. In Colombia viene frullato con l’aggiunta di latte freddo.
Anche le foglie, la corteccia e le radici dell’albero che dà origine alla Graviola, vengono utilizzati per la preparazione di rimedi fitoterapici, in quanto sia nel frutto che nella pianta, sono stati individuati da parte degli studiosi diverse sostanze benefiche.